Home Contatti Webportal: uso/FAQ Promuovi il tuo sito
Pubblicità       Scrivi per noi Forum
  Articoli
  Calendario eventi
  Cerca
  Sezioni

Kit Creaimpresa


I nostri corsi specialistici
Bouquet da sposa particolari con le relative acconciature floreali. Milano (Italia)/Particular bridal bouquet and floral hairstyles. Milan (Italy)

Arte funeraria. Fiori per onoranze funebri. Corona funebre, cuscino funerario, cuore, cofano o copricassa, mezzo cofano, cesto, urna. Composizioni funerarie nei vari stili floreali. Scuola e corsi di formazione fioristi per servizi di pompe funebri. Milano (Italia)/Floral design courses. Sympathy flowers and floral tributes arrangements. Learn how to create coffin sprays, easel sprays, traditional posies,  hearts, long lasting baskets, bouquets, pillows, cushions, standing sprays, casket sprays, half casket sprays, urn flowers. Milan (Italy)

Ultimi 5 articoli
· Comporre con i fiori nella spugna
· Erica e Calluna per fioriture in ogni stagione
· Mini conifere
· Rosa fiore del mese di Novembre
· I Paradisi dei Principi Borromeo

[ Altro nella News Section ]

La Via dei Fiori

Pagina: 4/9
(26102 parole totali contate in questo testo)
(3796 letture)   Pagina Stampabile




Ikebana e Psiche
lo straordinario potere dell'espressione floreale

Proseguendo la ricerca introspettiva attraverso le composizioni floreali, desidero introdurre ora uno dei più antichi concetti su cui si basa l'Ikebana tradizionale: quello della struttura ternaria di una composizione. Naturalmente si tratta di "uno" dei molteplici modi di disporre i fiori, ma personalmente lo considero fondamentale proprio per allenarsi a sperimentare e conquistare quel perfetto equilibrio interiore che, esteriormente, risulta dal giusto posizionamento nel vaso di tre elementi vegetali principali, che rappresentano il Cielo, l'Uomo e la Terra.

Il Cielo è costituito da un ramo o da un fiore dominante che dà la linea alla composizione. La sua altezza è proporzionata alla grandezza del vaso, in genere una volta e mezzo o due il suo diametro + l'altezza. L'Uomo, due/terzi del Cielo, deve accordarsi con il primo elemento e rafforzarlo, mentre la Terra, metà del Cielo, elemento con tendenza orizzontale, contribuisce ad arricchire e a rafforzare tutto l'insieme.
Naturalmente queste misure sono indicative e possono variare secondo i casi. Ad esempio, un ramo molto leggero e aereo può avere una misura maggiore di uno più solido e compatto, oppure un insieme di fiori e foglie corti situati alla base possono rappresentare la Terra.





La composizione ideale nasce comunque dall'armonia di queste tre linee che mettono in risalto la bellezza naturale dei rami o dei fiori. Questi vengono fissati su un reggifiori (o kenzan) ricoperto dall'acqua e posto all'interno di un vaso generalmente basso, in modo da formare tra loro un triangolo scaleno. Questa forma triangolare di grande stabilità, le diverse dimensioni dei rami e la loro disposizione, oltre a creare l'asimmetria e il gioco del pieno e del vuoto, permettono di dare maggiore profondità e movimento a tutta la composizione.


A questo contribuiscono anche i rami "ausiliari" (di dimensioni inferiori agli elementi principali), i gambi dei quali saranno posizionati all'interno del triangolo scaleno per dare l'impressione finale che tutta la composizione abbia un punto di partenza comune a tutte le parti.
Anche la profondità e la giusta prospettiva sono elementi molto importanti. Infatti solo nel vuoto, ossia nello spazio che contiene ogni cosa, si ha la possibilità di creare profondità, di sprofondare e contemporaneamente, nel muoversi al suo interno, di "approfondire". Una composizione piatta risulta veramente monotona e insignificante: le manca l'anima.
Pertanto nel sistema ternario la profondità è determinata dai diversi piani in cui vengono disposti i tre elementi. Questo concetto ci appare più chiaro se pensiamo alla differenza che esiste tra un cerchio piatto ed una sfera in cui la profondità è data dall'incrociarsi di piani diversi aventi lo stesso centro.
Al di là delle spiegazioni tecniche e teoriche, profondità e prospettiva derivano dalla capacità, che può anche essere spontanea e intuitiva, di sistemare ogni elemento nella sua specifica posizione in modo che l'uno non annulli l'altro, ma rafforzi e valorizzi tutto l'insieme. Ciò può essere dato perfino da un ramoscello o un ciuffo d'erba seminascosti, che s'intravedono appena e che, proprio per questo, stimolano la nostra curiosità di vedere meglio.




Nel concetto di triade l'Uomo si pone al centro dell'essere e del divenire universale. Assume pertanto un ruolo di mediatore tra Cielo e Terra in grado di unificare e valorizzare sia l'uno che l'altra. Egli appare infatti figlio di entrambi e, per la sua stessa esistenza, si nutre assiduamente della sottile energia celeste, pur affondando le sue radici nell'elemento terrestre che gli dà sostentamento. Questo concetto ripropone quindi in maniera simbolica ed essenziale l'armonia della creazione e la profondità del suo significato.

Tuttavia, proprio per il suo ruolo di protagonista, l'Uomo resta sempre libero di creare l'equilibrio o di scegliere la sfida, sfida che cadrà da sola se saranno esageratamente superati i limiti della giusta tensione dinamica tra i vari componenti.



A livello interiore appare chiaro che questa ricerca, svolta con impegno ed amorevole cura, non riguarda soltanto i fiori, ma anche noi stessi: approfondire significa infatti lasciare la superficie ordinaria per arrivare sempre più in fondo alla coscienza e ritrovarne il centro, quel nucleo vitale a cui appartiene la nostra anima e che costituisce la sintesi e il superamento degli antagonismi dei vari aspetti della nostra personalità.
Grande importanza ha pure l'acqua della ciotola in cui viene posta la composizione floreale e in cui questa si riflette. Rappresentando il nostro stato emotivo, essa dovrebbe sempre essere limpida e tersa, osservata con attenzione e cambiata di giorno in giorno, per mantenere vivi il più a lungo possibile tutti gli elementi vegetali.
Particolare rilievo va anche dato alla scelta del vaso, per colore, forma e grandezza. La giusta proporzione tra contenitore e contenuto, di cui l'uno è sempre parte integrante dell'altro, costituisce infatti un ulteriore elemento di equilibrio e di armonizzazione cromatica. Per non distogliere l'attenzione dalla composizione vera e propria i vasi non dovrebbero mai essere troppo vistosi o imponenti, ma avere l'essenziale funzione di far risaltare e valorizzare il contenuto. Col tempo, con gradualità e soprattutto con costanza si svilupperà una particolare sensibilità alle linee, alle forme, ai volumi dei vari materiali e alla loro disposizione, facendo in modo tuttavia che il risultato finale appaia sempre semplice e spontaneo.

Pagina Precedente Pagina Precedente (3/9)       Prossima Pagina (5/9) Prossima Pagina

[ Torna su Ikebana | Indice Sezioni ]


Arte Floreale non è responsabile del contenuto dei siti recensiti.
Copyright ©2000-2017 Arte Floreale. Tutti i diritti sono riservati. P.I.: 11422390150
Visione ottimale in Internet Explorer risoluzione 800x600 - carattere medio

Arte Floreale is not responsible for the contents of the pointed out websistes.
Copyright ©2000-2017 Arte Floreale. All rights reserved. P.I.: 11422390150
Best viewed in Internet Explorer Resolution 800x600 - medium type

Webdesign: Gikiweb