Cos'è l'Ikebana
Data: Friday, 23 May @ 09:10:00 CEST
Argomento: Ikebana


Una breve e chiara introduzione all'arte giapponese della composizione floreale e ai suoi princìpi filosofici.


Ikebana, l'arte giapponese della composizione floreale

L'ikebana - la parola che designa in giapponese la composizione floreale - è fondata su dei principi artistici noti nel mondo intero. L'amore per la linea, caratteristico di tutte le forme di arte orientale, più che l'apprezzamento delle forme e dei colori, è l'aspetto saliente dell'arte floreale giapponese e la distingue da tutte le altre. Per la composizione lineare si utilizzano i rami più comuni; se i rami seguono una bella linea armoniosa, li si preferisce a un mazzo di fiori, quale che sia la loro bellezza per la loro forma o colore. L'accento posto sulla perfezione della linea non trova l'uguale se non nell'insegnamento della natura che può essere così riassunto: comprensione per la crescita naturale dei materiali utilizzati e amore della natura in ogni sua fase. Al momento della sua apparizione, tredici secoli orsono, l'ikebana simboleggiava alcuni concetti buddhisti della filosofia giapponese. Tuttavia, nel corso degli anni, l'arte floreale è diventata totalmente giapponese, adattandosi al particolare spirito di questo popolo, e parallelamente ha perso in gran parte il suo valore religioso, ponendo in primo piano gli insegnamenti della natura. In genere ogni composizione floreale giapponese è costituita da tre gruppi triangolari di fiori o rami: un gruppo centrale verticale, uno intermedio che forma un angolo con il primo e un gruppo triangolare inverso che si allontana dal gruppo centrale in direzione opposta a quella dell'elemento intermedio. I fiori preferiti sono quelli che crescono naturalmente nei giardini in campagna nel periodo in cui si prepara la composizione. Di rado si usano fiori completamente sbocciati e, anzi, vengono preferiti i boccioli appena schiusi. I rami degli alberi a foglie larghe o degli arbusti rigogliosi vengono utilizzati nelle composizioni solo quando le foglie sono ancora in germoglio. Questo costume ha due ragioni alla base: prima, fintanto che il ramo è in germoglio, la bellezza della linea dello stelo non viene oscurata; seconda, coloro che contemplano la composizione hanno la gioia di vedere i boccioli aprirsi lentamente. D'altra parte, usando dei fiori già sbocciati, essi si seccano e muoiono piuttosto rapidamente, simboleggiando così morte e decomposizione.
Composizione di Nancy Locke, Wafu Scool.
Composizione di Sachiko Woo, Ohara Scool.
PRINCIPI FONDAMENTALI. L'arte floreale è basata sulla linea, sul ritmo e sul colore come mezzi per ricreare la crescita dei fiori. Gli occidentali hanno sempre insistito sulla quantità e sul colore dei vari elementi, fissando la loro attenzione particolarmente sulla bellezza dei fiori sbocciati. I giapponesi, invece, danno maggiore importanza alla linea della composizione e hanno raggiunto un grado tale di perfezione in quest'arte che lo stelo, le foglie e i rami hanno lo stesso valore dei fiori.
Il concetto fondamentale dell'arte floreale giapponese, quello che permette di comprenderne il senso, è il suo triplice simbolismo: il Cielo, l'Uomo e la Terra, che formano il quadro in cui s'inserisce l'intera struttura delle composizioni floreali giapponesi. L'elemento più importante è lo stelo o gambo che rappresenta il Cielo e che spesso viene chiamato "Primario" o "Shin". E' l'asse di tutta la composizione e perciò deve essere molto forte. Vicino al "Primario" vi è il gambo "Secondario" o "Soe", simbolo dell'Uomo. E' sistemato in modo da dare l'impressione di spingere lateralmente e in avanti rispetto allo stelo principale e deve essere circa due terzi della lunghezza del ramo "Primario" ed inclinarsi verso di esso. Lo stelo "Terziario" o "Hikae", che rappresenta la Terra, è il più corto; è posto davanti alla base degli altri due o leggermente dal lato opposto.
Composizione di Sharon Krawetz, Wafu School.

Tutti questi elementi sono saldamente fissati ad un supporto e danno l'impressione di appartenere allo stesso tronco. A questi tre rami si possono aggiungere altri fiori per arricchire la composizione, ma la posizione corretta dei tre elementi citati resta il principio fondamentale di essenziale importanza.

Testo tratto da Tuttocina, foto tratte da Ikebana International.








Questo Articolo proviene da Arte Floreale
http://www.artefloreale.com/webportal

L'URL per questa storia è:
http://www.artefloreale.com/webportal/modules.php?name=News&file=article&sid=23