L'arboreto, un orto botanico a...dismisura d'uomo
Data: Thursday, 20 February @ 12:04:00 CET
Argomento: Architettura del verde
Landscaping


Attraverso la visita all'arboretum di Arco, questo articolo vi porterà: a scoprire l'affascinante mondo degli arboreti, grandiosi orti botanici arborei dove trovano dimora i giganti del mondo vegetale. Buona immersione nel verde!

Abbiamo preso ad esempio le caratteristiche dell'arboreto
di Arco di Trento per illustrare cosa sia un arboreto e quali
affascinanti scoperte possiamo fare visitandolo.


"Gli arboreti sono considerati dei musei botanici viventi, assieme agli orti botanici e ai giardini botanici alpini. In poco spazio è concentrata una grande varietà: di piante e i visitatori possono conoscere specie rare o provenienti da luoghi lontani. In questi luoghi protetti è possibile osservare comodamente le fasi della vita delle piante, con grande vantaggio per la didattica, per la conoscenza scientifica e per la conservazione di specie rare.

Nell'Arboreto di Arco ci sono circa 150 specie vegetali di origine e caratteristiche diverse: alberi ed arbusti spontanei nella zona mediterranea, piante utili, piante ornamentali ed esotiche ormai acclimatate nella zona mediterranea, alberi provenienti da regioni con caratteristiche climatiche simili a quelle di Arco (clima temperato umido, temperato caldo e clima subtropicale umido). Le principali regioni di provenienza sono: Europa Meridionale e Centrale, Asia Orientale, America Settentrionale, Centrale e Meridionale, Africa, Australia.

Tutte le specie sone dotate di etichette riportanti il binomio latino, la famiglia, il nome comune, la zona di origine. Per consentire la fruizione del patrimonio botanico, sono state realizzate apposite strutture informative in lingua italiana, tedesca e inglese, rivolte sia alla popolazione locale sia al mondo turistico: 2 grandi bacheche presso l'ingresso con notizie storiche e indicazioni sugli itinerari botanici, 30 tavole lungo i sentieri con informazioni sul clima e sulle caratteristiche delle varie specie vegetali.
Grazie alle numerose informazioni, l'Arboreto è un vero e proprio paradiso botanico per i numerosi turisti provenienti dalle regioni fredde dell'Europa i quali, giunti ad Arco, per la prima volta entrano in contatto con una flora completamente diversa da quella centroeuropea. E' per questo motivo che fin dal passato il bacino del Garda fu considerato "la porta verso il sud".

L'Arboreto di Arco è il luogo ideale per affrontare la conoscenza delle scienze botaniche per numerosi motivi: grande varietà: di alberi e arbusti provenienti da ogni continente, "paesaggi in miniatura" creati per ricostruire l'ambiente in cui le piante vivono, supporti informativi con notizie botaniche, ricerche scientifiche in corso di svolgimento. Nell'Arboreto si organizzano itinerari di studio specifici per le scuole. Le attività: sono guidate da operatori didattici esperti e prevedono esercitazioni in campo, compilazione di schede, osservazioni sulle fioriture, riconoscimento di alberi e arbusti.

Nell'Arboreto di Arco le piante con caratteristiche simili sono raggruppate nei "paesaggi vegetali in miniatura": boschetto di Conifere, piante mediterranee e submediterranee, Oasi e vialetto di Palme, stagno, giungla di Bambù, pendio delle Ginestre, piante utili del Trentino, piante di clima arido, piante utili subtropicali, limonaia, macchia mediterranea. La visita prevede due itinerari botanici, lungo i quali si incontrano alberi monumentali e di particolare interesse botanico. Numerose tavole informative riportano notizie sul clima e sulla vita delle piante."

L'arboreto di Arco di Trento.
Sequoia sempreverde (Sequoia sempervirens).
Orniello (Fraxinus ornus).

Testi e foto sono tratti dal sito: L'Arboreto di Arco.

Clicca qui per approfondire il significato del termine "arboreto".

Potete trovare i link ai siti dei più begli arboreti mondiali nella sezione
Arboreti/Arboreta in Links>Architettura del verde/Landscaping.









Questo Articolo proviene da Arte Floreale
http://www.artefloreale.com/webportal

L'URL per questa storia è:
http://www.artefloreale.com/webportal/modules.php?name=News&file=article&sid=18