Home Contatti Webportal: uso/FAQ Promuovi il tuo sito
Pubblicità       Scrivi per noi Forum
  Articoli
  Calendario eventi
  Cerca

Kit Creaimpresa


Ultimi 5 articoli
· I Paradisi dei Principi Borromeo
· Tour al profumo di rosa in Franciacorta
· Corsi stagione 2011-2012 ai Vivai Belfiore
· Fall foliage ai giardini di Sissi
· Il regno sotterraneo delle piante

[ Altro nella News Section ]

Vecchi articoli
· ''Messer Tulipano'' la primavera trionfa la castello di Pralormo
· Il 1° aprile riaprono i Giardini di Sissi a Castel Trauttmansdorff
· Fall foliage ai giardini di Sissi - Merano (BZ)
· Bioenergetic Landscape, i giardini del benessere
· La città diventa giardino
· I giardini ed il paesaggio entrano nella rassegna piemontese Castelli Aperti
· Le piante favoriscono un'atmosfera piacevole e un senso di sicurezza in casa
· Lo spettacolo delle Rose in Franciacorta
· HUMUS PARK - International Land Art Meeting and Exposition second edition
· Colori e profumi di Primavera a Castello Quistini
· La fioritura dei glicini all'Isola Madre
· Il trionfo delle Camelie
· I giardini di Sissi a Castel Trauttmansdorff - Merano
· La Dahlia David Howard bulbo dell'anno 2010
· Brescia: Giardini e allestimenti floreali tra le vie del centro
· Grasse è bello
· Natura e musica si incontrano ai Giardini La Mortella
· Il Narciso 'Actaea' vince nella categoria Bulbo Primaverile dell'Anno 2009
· Apertura autunnale dei giardini di Castello Quistini
· All'Isola Madre, fioriscono i 100 ibischi
· Rose. Purezza e Passione nell'Arte dal 400 ad oggi
· All'Isola Madre, tra ninfee e fior di loto
· I Giardini Nascosti
· Maggiore qualità nei posti di lavoro: una pianta ogni 12 mq
· Nel nome della rosa
· Rosae Photo Day 2009 - Castello Quistini (Rovato - Bs)
· Tra Rose, Storia e Leggenda Castello Quistini
· Bulbo dell'anno 2009
· Addobbi floreali olandesi alla Santa Messa di Pasqua in Piazza San Pietro
· Nuovo giardino mediterraneo
· Humus Park
· Messer Tulipano - Pralormo (TO)
· Gli eventi di marzo di Grandi Giardini Italiani
· Lo zucchero è l'ingrediente magico
· Scoperto il segreto del colore dei fiori
· Giardino Barbarigo Pizzoni Ardemani in Valsanzibio (PD)
· Isola del Garda entra nel circuito Grandi Giardini Italiani
· Arriva a Como il circuito Grandi Giardini Italiani
· L'Ufficio Olandese dei Fiori e la Festa dei Nonni
· Due nuove idee realizzate per la Festa dei nonni 2008
· Salone Internazionale Florovivaismo e Giardinaggio Flormart
· Tra Rose, Storia e Leggenda a Castello Quistini, Apertura autunnale
· Spello: le magiche Infiorate del Corpus Domini
· Rosae Photo Day 2008 - Sabato 7 Giugno a Castello Quistini (Rovato - Bs)
· I tre ''Paradisi in terra'' dei Principi Borromeo
· Le Giornate delle Rose
· Pordenone - Humus Park Meeting internazionale artisti di Land Art (+ Convegno)
· Profumo di Viole Delta? per risvegliare l'olfatto
· La fioritura delle rose - Giardini dell'Isola Bella (Lago Maggiore)
· Tra Rose, Storia e Leggenda a Castello Quistini

Articoli Vecchi

All'Isola Madre, fioriscono i 100 ibischi
Postato il Friday, 10 July @ 18:37:24 CEST di empoza

Architettura del verde<br>Landscaping All'Isola Madre, uno dei tre "Paradisi in terra" dei Principi Borromeo sul Lago Maggiore, i mesi che si avvicinano all'autunno si colorano dei meravigliosi colori dell'ibisco.

"I Paradisi dei Principi Borromeo"
Le meraviglie d'estate (agosto - ottobre)
All'Isola Madre, fioriscono i 100 ibischi

All'Isola Madre, uno dei tre "Paradisi in terra" dei Principi Borromeo sul Lago Maggiore (gli altri due siti compresi nell'Itinerario Verde sono l'Isola Bella e la Rocca di Angera con il suo giardino medievale), i mesi che si avvicinano all'autunno si colorano dei meravigliosi colori dell'ibisco.
Circa cento le varietà di Hibiscus rosa sinensis che, acclimatate e coltivate negli anni dagli abili giardinieri delle isole, che adorneranno di colori che rimandano a paesi lontani le terrazze delle isole Borromee.
Il genere Hibiscus appartiene alla classe delle Dicotiledoni ed alla famiglia della Malvaceae. A questa sono state ascritte più di 300 specie di piante che vanno da forme erbacee annuali, fino ad arbusti perenni. Gli Ibischi vengono generalmente coltivati come cespugli. I loro rami robusti ed il fogliame scuro e lucido li rende già ornamentali in assenza di fiori, tuttavia sono questi ultimi a destare la maggiore ammirazione: si tratta di veri capolavori dai colori accesi e cangianti; purtroppo la loro durata è brevissima sbocciando per un solo giorno e al calare della notte chiudono le loro corolle morendo.
Il termine Ibisco deriva dal greco antico e fu probabilmente assegnato da Dioscoride, il più famoso medico dell'antichità, vissuto nel primo secolo dopo Cristo. Notizie più precise ci sono state riportate da Ghislain de Busbeck, ambasciatore fiammingo alla corte di Solimano il Magnifico a Costantinopoli; durante la sua permanenza in Asia Minore studiò la botanica inviando numerosi esemplari di piante, tra cui l'ibisco, in Olanda. Già in antichità se ne scoprirono le virtù medicinali. Il naturalista romano Castore Durante ne consigliava per esempio la radice cotta nel vino e nell'acqua mielata per curare "tutti i vizi del petto e del polmone". L'acqua stillata dalle radici dell'ibisco mescolata al vino si prescriveva agli asmatici e ancora il decotto di ibisco con aceto o vino curava dalle punture d'insetto.

Ai giorni nostri l'uso dell'ibisco è invece per lo più ornamentale e ben diffuso in ogni parte del mondo. In Polinesia la varietà rosa sinensis, come ci ricorda Gauguin nei suoi dipinti del periodo tahitiano, è un vero e proprio simbolo; le ragazze, infatti, sono solite appuntarsi tra i capelli un ibisco rosso cremisi o bianco col centro color porpora, specie quando si recano a ballare. In Giamaica, invece, i petali sono usati per lucidare le scarpe nere; da qui il soprannome "shoe flower", ossia "fiore per le scarpe".
Alla varietà rosa-sinensis appartiene il più bello, variegato e diffuso degli Ibischi detto anche "Ibisco della Cina" giunto in Europa dalle Indie orientali nel 1731. A renderlo famoso sono gli splendidi fiori, dall'aspetto tropicale: imbutiformi, larghi anche 12 centimetri, mostrano un lungo stilo prominente, circondato da una corolla a cinque petali. Se coltivato in condizioni ideali diviene un vero albero raggiungendo i 6-7 metri d'altezza. Si tratta di un sempreverde da cui sono state ottenute infinite varietà: tra queste anche una forma nana che cresce poco ed in maniera compatta. Alle nostre latitudini fiorisce ininterrottamente dalla primavera all'autunno, dando il meglio di sé in estate. I fiori, molto grandi, esistono ormai sotto forma di infinite varietà che vanno dal bianco, all'arancione, al rosa, al fucsia, con varietà multicolori, multipetale o "stropicciate". Benché abbastanza resistente al freddo, necessita di alcune attenzioni dovendo svernare in posizione riparata dal gelo e ben esposta al sole. A causa della sua crescita rigogliosa e della fioritura continua l'Hibiscus rosa-sinensis necessita di un terriccio neutro ricco in materiale organico e di concimazioni regolari. In estate va annaffiato regolarmente per evitare che i fiori ed i boccioli cadano.
La coltivazione
L'ibisco rosa sinensis in Italia cresce solo in zone dal clima particolarmente caldo, come l'isola di Capri o la Sicilia dove il clima permette alla pianta di resistere in esterno anche durante l'inverno a patto che sia posizionato in zone molto riparate. Nel resto dell'Italia è invece è necessario coltivare la pianta in vaso in modo da poterla agevolmente ritirare durante l'inverno in ambiente idoneo. In serra gli Ibischi vanno posizionati in capaci tini e nutriti frequentemente diminuendo le annaffiature durante i periodi di riposo. Anche durante le stagioni più calde è necessario che la pianta sia posta in posizioni ben calde e soleggiate avendo cura che il terreno sia fertile, ricco e costantemente umido. La concimazione deve essere regolare durante tutto l'arco dell'anno avendo cura di intensificarla (fino ad arrivare ad una cadenza quindicinale) nel periodo di maggior crescita. Il concime deve essere chimico o organico ad alto contenuto di potassio onde evitare l'ingiallimento delle foglie e la caduta dei boccioli durante la fioritura.
Oltre che ammirare sarà possibile fotografare queste meraviglie. Come è ormai noto, quest'anno si potranno fotografare le Fioriture e, chi lo vorrà, potrà inviare le immagini anche di questa Fioritura al sito delle Isole Borromeo e della Rocca di Angera dove le foto più belle saranno messe on line con il nome del loro autore e la data in cui è stata documentata la fioritura (info: www.borromeoturismo.it).

Prossima fioritura: a maggio 2010, il trionfo delle rose

Per informazioni e prenotazioni: (+39) 0323 30556
www.borromeoturismo.it

Per acquisire maggiori nozioni su giardinaggio e arte di comporre con i fiori, abbonatevi a Fiorista Italiano floral designer, la prima rivista italiana di e-learning sull'arte floreale.



 
Links Correlati
· Inoltre Architettura del verde
Landscaping

· News by empoza


Articolo più letto relativo a Architettura del verde
Landscaping:

I giardini nascosti


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad



Opzioni

 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico


Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati


Arte Floreale non è responsabile del contenuto dei siti recensiti.
Copyright ©2000-2017 Arte Floreale. Tutti i diritti sono riservati. P.I.: 11422390150
Visione ottimale in Internet Explorer risoluzione 800x600 - carattere medio

Arte Floreale is not responsible for the contents of the pointed out websistes.
Copyright ©2000-2017 Arte Floreale. All rights reserved. P.I.: 11422390150
Best viewed in Internet Explorer Resolution 800x600 - medium type

Webdesign: Gikiweb