Home Contatti Webportal: uso/FAQ Promuovi il tuo sito
Pubblicità       Scrivi per noi Forum
  Articoli
  Calendario eventi
  Cerca
  Sezioni

Kit Creaimpresa


I nostri corsi specialistici
Bouquet da sposa particolari con le relative acconciature floreali. Milano (Italia)/Particular bridal bouquet and floral hairstyles. Milan (Italy)

Arte funeraria. Fiori per onoranze funebri. Corona funebre, cuscino funerario, cuore, cofano o copricassa, mezzo cofano, cesto, urna. Composizioni funerarie nei vari stili floreali. Scuola e corsi di formazione fioristi per servizi di pompe funebri. Milano (Italia)/Floral design courses. Sympathy flowers and floral tributes arrangements. Learn how to create coffin sprays, easel sprays, traditional posies,  hearts, long lasting baskets, bouquets, pillows, cushions, standing sprays, casket sprays, half casket sprays, urn flowers. Milan (Italy)

Ultimi 5 articoli
· Comporre con i fiori nella spugna
· Erica e Calluna per fioriture in ogni stagione
· Mini conifere
· Rosa fiore del mese di Novembre
· I Paradisi dei Principi Borromeo

[ Altro nella News Section ]

La fioritura delle Camelie all'Isola Madre del Lago Maggiore
Postato il Monday, 03 March @ 18:00:00 CET di empoza

Architettura del verde<br>Landscaping Dal 22 marzo al 13 aprile "esplode" la fioritura delle Camelie nell'Isola Madre. Sarà possibile ammirare e fotografare anche varietà che sono oggi estinte in natura. Le prime Camelie arrivarono qui nel 1828.

La fioritura delle Camelie
Giardini dell?Isola Madre
22 marzo - 13 aprile


Arrivò in Europa nel 1739 ma divenne di gran moda solo dopo Napoleone

I testi ottocenteschi ascrivevano l?introduzione in Europa della Camelia a Giorgio Kamel, boemo missionario nelle Filippine.
Per eccesso di patriottismo, altri trasformano il gesuita di Brunn in padre Giorgio Giuseppe Camelli di Firenze, dando una fantasiosa paternità italica al fiore che all?epoca era di gran moda.
Certo è che le camelie arrivarono in Europa nel 1739, data nella quale padre Kamel era già defunto da una trentina d?anni. Linneo, tuttavia, nel dare il nome alla nuova specie volle rendere omaggio al dotto gesuita, cultore e scrittore di botanica.
L?immensa fortuna europea della camelia ebbe avvio in Gran Bretagna dove le prime camelie vennero messe a dimora dal giovane Lord Petre nelle serre calde del suo giardino nell?Inghilterra meridionale, salvo rendersi conto che le serre non solo non servivano ma danneggiavano le nuove sconosciute piante.
In Italia la prima camelia pare sia stata messa a dimora nel Parco Inglese della Reggia di Caserta nel 1780 e qui ancora prospera.
Nel 1806 si ottenne il primo prodotto da fecondazione artificiale, la C. incarnata, e nel 1807 vennero introdotte nuove varietà direttamente dal Giappone, la tra la C. alba plena e la C. fimbrata alba plena; nel 1808 fu creta la splendida C. warrota e si ebbe il primo ibrido, la C. myrtifoglia. Fu l?inizio di una esplosione: nel 1812 l?Orto botanico di Kew vantava già una collezione di 12 camelie, poco meno di trent?anni dopo, l?abate Berlese pubblicò la descrizione di ben 750 varietà.
Poi, come spesso accade, le camelie passarono di moda, la passione restò di pochi, il mercato non era più interessato. Il riemergere di una nuova passione per queste meravigliose piante è relativamente recente e del tutto giustificata dalla loro elegante bellezza.

Una gran bellezza senza profumo: è colpa degli amori extraconiugali di Venere

La camelia è un fiore meraviglioso ma privo di profumo, caratteristica forse non estranea all?oblio in cui, a fine Ottocento, sembrava condannata una specie prima di grandissima ?moda?.
Così un sito specializzato ricostruisce il perché questa meraviglia della natura sia rimasta priva di una caratteristica, il profumo, che parrebbe non poterle spettare:
?C?è un?antica leggenda che spiega la ragione di questa strana caratteristica del fiore: un giorno il dio Vulcano sorprese la moglie Venere scambiarsi effusioni con Marte e colmo di tristezza, si sfogò con Cupido. Questi si adirò moltissimo con la madre, soprattutto perché aveva osato amoreggiare senza l?ausilio delle sue frecce.
Venere, estremamente offesa, decise di vendicarsi, nonostante Cupido fosse suo figlio e anche Dio dell?Amore. Ordinò quindi alle Grazie, ?tate? di Cupido, di non fargliela passare liscia e di frustarlo con rami di rose, affinché le spine gli lacerassero la pelle!
Tutti gli altri Dei rimasero sconvolti dalla crudeltà di Venere; ma a Flora venne un?idea?Ordinò a Zefiro di volare nel lontano Giappone e, una volta lì, di raccogliere i rami di una rara pianta dai fiori rossi simili a quelli della rosa, ma dal gambo totalmente privo di spine.
Al suo ritorno Zefiro consegnò alle Grazie le ?fruste? innocue con cui punire il piccolo Cupido: il castigo fu quindi solamente formale, e Cupido non provò nessun dolore.
In compenso tutto l?Olimpo rimase estasiato dalla bellezza di quei fiori delicati e soprattutto dal loro profumo intensissimo, che paragonavano a quello dell?Ambrosia?
Venere però, scoprì presto l?inganno e stavolta decise di vendicarsi sulla pianta stessa: nonostante le suppliche della sua creatrice Flora, ordinò che venisse esiliata in un?isola sconosciuta e lontana e infine, con un incantesimo, le tolse lo splendido profumo?.

Per acquisire maggiori nozioni su giardinaggio e arte di comporre con i fiori, abbonatevi a Fiorista Italiano floral designer, la prima rivista italiana di e-learning sull'arte floreale.



 
Links Correlati
· Inoltre Architettura del verde
Landscaping

· News by empoza


Articolo più letto relativo a Architettura del verde
Landscaping:

I giardini nascosti


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad



Opzioni

 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico


Limite
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati


Arte Floreale non è responsabile del contenuto dei siti recensiti.
Copyright ©2000-2017 Arte Floreale. Tutti i diritti sono riservati. P.I.: 11422390150
Visione ottimale in Internet Explorer risoluzione 800x600 - carattere medio

Arte Floreale is not responsible for the contents of the pointed out websistes.
Copyright ©2000-2017 Arte Floreale. All rights reserved. P.I.: 11422390150
Best viewed in Internet Explorer Resolution 800x600 - medium type

Webdesign: Gikiweb