Calendario Eventi


Successivo 4 Eventi, fino a 04/10/14.

ConcorsiCorsi e dimostrazioniFlorovivaismoParchi e giardiniVari eventi

18/10/14al19/10/14Parchi e giardini Fall foliage - Giardini di Castel Trauttmansdorff - Merano
N AUTUNNO I GIARDINI DI SISSI SI ACCENDONO DI NUOVI COLORI CON GLI EVENTI DEDICATI AL VINO Un’esplosione silenziosa e pacifica di caldi colori, ai Giardini di Castel Trauttmansdorff a Merano nei mesi autunnali si assiste alla magia del “Fall Foliage”. Da alcuni anni è diventato un appuntamento fisso e imperdibile per escursionisti, fotografi e amanti della natura. Il giardino meranese, che nei mesi estivi si mostrava come un vasto paradiso verde e fiorito, all’improvviso esplode in un caleidoscopio di calde tonalità, il fogliame delle piante cambia aspetto in infinite sfumature oro, giallo, rosso e arancione, che danno il benvenuto all’autunno. Il fitto fogliame degli alberi dei Giardini di Sissi a Merano è già pronto per l’annuale “cambio d’abito” autunnale: il degradarsi della clorofilla, in particolare dei faggi e degli aceri dell’area Boschi del Mondo, fa sì che le foglie assumano repentinamente una colorazione molto sgargiante che va dal rosso, all'arancione, al giallo. È il fenomeno del Fall Foliage, una parola dal suono dolce che sta a significare la lieve caduta delle foglie dagli alberi, un appuntamento che ogni anno richiama migliaia di appassionati e semplici curiosi che per ammirarlo si radunano ai Giardini di Sissi tra metà settembre e gli inizi di novembre. Questo atteso evento naturale, che nel Nord America è noto anche come Indian Summer, trasforma i boschi dei pendii che compongono l’anfiteatro botanico dei Giardini di Castel Trauttmansdorff in una grande esposizione artistica a cielo aperto, dove vengono esibiti ritratti e scorci paesaggistici emozionanti dalle calde tonalità: una “foresta” incorniciata dalla macchia dei monti del Gruppo di Tessa che per l’occasione indossano un mantello rosso e giallo davvero suggestivo. Sabato 18 e Domenica 19 ottobre la Principessa Sissi ai Giardini di Castel Trauttmansdorff e alla Festa dell’Uva a Merano Sabato 18 ottobre i visitatori dei Giardini di Sissi potranno passeggiare nel parco botanico meranese in compagnia dell'”Imperatrice Elisabetta d’Austria”, farsi fotografare assieme a lei e scoprire, nelle sale del Touriseum, tante notizie e curiosità sulla Principessa Sissi e i suoi soggiorni a Merano e a Castel Trauttmansdorff. L'“Imperatrice Sissi” sarà inoltre presente, il giorno successivo, domenica 19 ottobre, alla Festa dell'Uva di Merano, dove salirà in uno dei carri di Trauttmansdorff. La giornata, organizzata ai Giardini in onore dell'Imperatrice Elisabetta e la sua nobile presenza alla Festa dell'Uva, sono organizzate in collaborazione con il percorso culturale “La Strada di Sisi” di cui i Giardini di Castel Trauttmansdorff sono partner da diversi anni. Domenica 26 ottobre Incanto d’Autunno a Trauttmansdorff Dalle 10.00 alle 17.00 un’intera giornata dedicata alla stagione del Fall Foliage, in cui in modo creativo con giochi e divertimento le guide dei Giardini di Sissi accompagneranno i visitatori e le famiglie con bambini alla scoperta dell’autunno nel parco. Tutti in questa giornata potranno dare un contributo concreto all’allestimento dei Giardini per la prossima stagione: il programma prevede, tra le altre cose, lavoretti di bricolage, partecipare a laboratori di trucco e ovviamente assaggiare delizie tipiche della stagione come caldarroste, mele ed uva! Piante da mordere! Nei sabati di ottobre e novembre verranno proposte visite guidate ai Giardini con motivi d’interesse sempre differenti. Avvincenti passeggiate attraverso il mondo delle piante e dei frutti saranno corredate da esperienze gastronomiche basate su specialità stagionali di qualità. “Piante da Mordere” prevede anche gustosi momenti culinari al Ristorante Schlossgarten, con la sua splendida vista sul parco. Costo: € 35,50 incluso di biglietto d’entrata ai Giardini, visita guidata e degustazione menu (tre portate incl. vino, acqua, caffè). www.trauttmansdorff.it Orari di apertura: 1° aprile – 31 ottobre: ore 9.00 – 19.00 1° novembre – 15 novembre: ore 9.00 – 17.00 I venerdì di giugno, luglio ed agosto: ore 9.00 – 23.00 Ultimo ingresso fino a un’ora prima dell’orario di chiusura Prezzi d’ingresso: Biglietto singolo: 11 € Biglietto per famiglie (2 adulti con bambini sotto i 18 anni): 25 € Anziani over 65: 9,50 € Bambini, ragazzi, studenti e disabili: 8 € Bambini sotto i 6 anni: ingresso libero Gruppi (di almeno 15 persone, a persona): 8,50 € Biglietto di Tardo Autunno, 1-15 novembre (a persona; gratis sotto i 18 anni): 6.50 €
14/03/15al14/03/15Parchi e giardini Giardini di Villa della Pergola - Alassio (SV)
IL FASCINO ANTICO DEI GLICINI DI VILLA DELLA PERGOLA Dal 14 marzo riprendono le visite guidate ai giardini e riapre il Relais Con l’arrivo della primavera riaprono al pubblico i cancelli di Villa della Pergola ad Alassio: dal 14 marzo riprenderanno infatti le visite guidate ai Giardini, raro esempio di parco anglo-mediterraneo nel nostro paese. Le visite guidate proseguiranno fino a fine ottobre, offendo così la possibilità di ammirare tutte le splendide fioriture della macchia mediterranea e della flora esotica che caratterizzano i giardini. Le visite guidate su prenotazione si terranno di sabato e  domenica con partenza alle ore 9.30/ 11.30 / 15.00 / 17.00. Durante la settimana sarà possibile prenotare visite solo per gruppi. Per prenotazioni: tel. +39 0182.646130 – info@giardinidivilladellapergola.com. Affacciato sul golfo di Alassio, il parco segue l’andamento naturale della collina su più livelli terrazzati uniti dalle caratteristiche pergole che danno il nome alla Villa e sulle quali sbocceranno, a partire dalla primavera, i glicini, una collezione che conta oltre 20 varietà diverse per forme e colori (tra le quali Wisteria brachybotrys “Shiro Kapitan Fuji”, Wisteria floribunda “Burford”, Wisteria floribunda “New Blue Fountain”, Wisteria floribunda “Nishiki”, Wisteria floribunda “Lilac Rose”, Wisteria floribunda “White Blue Eye”, Wisteria sinensis “Jako”, Wisteria macrostachya “Clara Mack”, Wisteria “Nana”). Questi profumatissimi fiori erano particolarmente amati dalla famiglia Hanbury, proprietaria di Villa della Pergola per quasi tutto il Novecento. Negli anni dopo la fine della Seconda guerra mondiale, infatti, proprio durante la loro fioritura Ruth Hanbury era solita organizzare la “Festa del glicine” alla quale partecipavano scrittori, giornalisti e vecchi ufficiali dell’Impero Britannico. Il relais di Villa della Pergola: luogo unico in cui rivivere l’atmosfera “fin de siècle” In concomitanza con la riapertura dei Gardini, il 14 marzo riaprirà anche il Relais di Villa della Pergola. Il Relais offre ai propri ospiti l’occasione unica di soggiornare in quello che è un vero capolavoro architettonico di fine ‘800, la cui storia è strettamente legata a quella della comunità inglese che aveva eletto, tra il 1800 e il 1900, quest'angolo della Riviera tra le sue mete preferite di villeggiatura invernale. Non a caso, infatti, ognuna delle 13 suite è dedicata a uno dei numerosi personaggi che in passato hanno soggiornato a Villa della Pergola o che sono stati membri della comunità inglese di Alassio, rievocando le affascinanti atmosfere di fine Ottocento. INFORMAZIONI Le visite guidate su prenotazione si terranno di sabato e  domenica con partenza alle ore 9.30/ 11.30 / 15.00 / 17.00. Durante la settimana sarà possibile prenotare visite solo per gruppi. La visita si compie singolarmente e/o in piccoli gruppi. Durata 1,30 h circa. Agibilità I Giardini sono visitabili in gran parte anche da persone disabili. Solo alcune zone non sono accessibili a causa della morfologia del terreno e per la presenza di brevi scale in pietra. Gli animali non possono entrare. Biglietti Il biglietto d'ingresso sarà acquistabile sul posto ed è comprensivo di accompagnamento guidato. Singolo: 12 euro, Soci FAI: 10 euro Gratuito per i bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto. Scolaresche (visita parco): 6 euro. Per le scolaresche, nei mesi di aprile e maggio, sono previste visite con laboratori: per informazioni, costi e prenotazioni contattare Villa della Pergola. GIARDINI IN VILLA: LABORATORI PER LE SCUOLE ALLA SCOPERTA DEI GIARDINI DI VILLA DELLA PERGOLA I Giardini di Villa della Pergola ad Alassio, raro esempio di parco anglo-mediterraneo in Italia, aprono i loro cancelli ai più piccoli con il progetto “Giardini in Villa”: per la prima volta nei mesi di aprile e maggio saranno infatti organizzate una serie di attività didattiche e di esperienze formative – dei laboratori del fare - rivolti alle scuole dell’infanzia e alle scuole primarie. Realizzato su un progetto di Nadia Nicoletti esperta di didattica orticola, “Giardini in Villa” è uno spazio d’informazione, di apprendimento e di sperimentazione che attraverso il saper fare e il giardinaggio sostenibile forma le nuove generazioni e sensibilizza sulla bellezza, sulla salvaguardia dell’ambiente e sulla cura delle piante. Durante i laboratori i bambini avranno così la possibilità di scoprire la splendida vegetazione della macchia mediterranea e della flora esotica che caratterizza i Giardini di Villa della Pergola: il glicine, il rosmarino, l’agapanto, l’eucalipto, l’alloro, la lavanda, la rosa e la palma. Le modalità di svolgimento e i contenuti saranno diversificati a seconda dell’età dei partecipanti. I laboratori avranno una durata di due ore circa e un costo di 8 euro a bambino compreso il materiale didattico e si terranno dal martedi al venerdì e previa prenotazione. Per informazioni e prenotazioni: info@giardinidivilladellapergola.com Tel. 0182646130/ 0182646140 - Cell. 335664550 / 3381252079 (Davide). Ecco nel dettaglio il programma di “Giardini in Villa”: - Un glicine è… per sempre! Nelle giornate primaverili il profumo dei glicini ci accompagna per i sentieri di Villa della Pergola. Lasciamoci cullare dal profumo di questi fiori meravigliosi e impariamo a conoscere da vicino questa pianta e i segreti per propagarla. - I segreti del rosmarino Tocchiamo e annusiamo i rami di questa semplice pianta mediterranea dai delicatissimi fiori per capire cosa si nasconde dietro il suo profumo e impariamo a piantare piccole piante di rosmarino per rendere sempre più belli e profumati gli angoli del nostro giardino. - Semi da diffondere Osservando la collezione di oltre 200 varietà di agapanti impariamo a conoscere da vicino questa pianta perenne tipica della Riviera e con i suoi semi realizziamo palline di terra argillosa per colorare con fiori e farfalle giardini e spazi dimenticati. - Annusando fiori, foglie e frutti… Eucalipto, rosmarino, alloro, lavanda, rose sono solo alcune delle piante profumate che troveremo nel Parco di Villa della Pergola. Impariamo a conoscere tutte queste piante e costruiamo insieme un piccolo scrigno profumato che poi resterà con noi. - Il mondo delle palme Scopriamo i segreti di questa pianta affascinante osservando il portamento, il tronco e le grandi foglie. Ascoltiamo il rumore delle sue fronde, scopriamo curiosità inaspettate sulla sua storia e sperimentiamo la semina dei suoi frutti. VILLA DELLA PERGOLA Flora mediterranea e tropicale in Riviera I 22.000 metri quadrati dei Giardini di Villa della Pergola offrono un’occasione unica per passeggiare immersi nella tipica vegetazione mediterranea, fatta di pini marittimi, carrubi, ulivi, lecci sapientemente coniugati con jacarande e strelitzie giganti sudafricane, eucaliptus australiani, banani e palme di tutti i tipi, aloe, agave, fichi d’india, cactacee provenienti da ogni latitudine, glicini, tumbergie, spiree, ortensie, oleandri, pelargoni odorosi, lavande, buganvillee, dature, bignonie, solanum e gelsomini. I giardini ospitano alcune collezioni botaniche, come quella degli agrumi e dei glicini, e un’importante collezione di Agapanti (oltre 300 varietà diverse), unica in Europa per numero e qualità. A passeggio sui sentieri, tra pergole, fontane e laghetti Le pergole sono uno degli elementi caratteristici dei Giardini, tanto da dare il nome alla Villa e al Villino, capolavori architettonici di fine Ottocento che sorgono all’interno del parco. Coperte di Rosa banksiae, di buganvillee e di glicini di numerose varietà, le pergole uniscono i diversi livelli del parco, snodandosi lungo i fianchi della collina e lasciando libera la vista sulla baia di Alassio. Le numerose fontane e i laghetti rocciosi accolgono le ninfee rosa (già presenti al tempo degli inglesi) e le specie più recenti di ninfee tropicali blu, mentre gli antichi vasconi, che servono ancora oggi per la raccolta dell’acqua destinata all’irrigazione, sono stati trasformati in grandi vasche per la coltivazione dei loti. Ampi sentieri coperti di ghiaia o lastricati, come la Passeggiata del Sole, e diverse scalette in pietra collegano le varie terrazze: quella panoramica, con due altissime Phoenix canariensis, quella antistante la Villa, che ospita un eucalipto ultra centenario, e la terrazza con il prato adiacente al Villino. Un po’ di storia Ideati dal generale scozzese William Montagu Scott Mc Murdo nel 1875, il parco e la Villa della Pergola passarono, ai primi del ’900, al cugino di Virginia Woolf, il baronetto Sir Walter Hamilton Dalrymple. Nel 1922, il nuovo proprietario, Daniel Hanbury – secondogenito di Thomas, ideatore e proprietario dei celebri Giardini Hanbury (La Mortola, Ventimiglia) – iniziò un’opera di arricchimento delle collezioni di piante presenti nel parco, attingendo dai giardini botanici della famiglia. Dopo un periodo di abbandono e degrado, nel 2006 una cordata di amici guidata da Silvia e Antonio Ricci, sempre attenti alle vicende del territorio e nell’ottica di salvaguardare il paesaggio e l’ambiente, acquistò la proprietà all’asta giudiziaria per salvarla da una speculazione edilizia. Il restauro dei giardini Dal 2006 al 2012 il Parco ha subìto un importante restauro, affidato all’architetto paesaggista Paolo Pejrone. Grazie a un sapiente intervento conservativo, eseguito nella continuità della storia e della vocazione del luogo, i Giardini conservano ancora oggi le tipiche caratteristiche dei giardini all’inglese ottocenteschi che li hanno resi una delle meraviglie botaniche della Riviera ligure e del Mediterraneo. Villa della Pergola All’interno dei Giardini si trovano Villa della Pergola e il Villino, anch’essi sottoposti a importanti interventi di restauro conservativo di interni ed esterni da parte dell’architetto Ettore Mocchetti. Le ville hanno così recuperato l’antico charme di dimora vittoriana, con tutto il fascino dello stile coloniale inglese, diventando raffinati relais dove è possibile soggiornare da marzo a ottobre. Le suite sono tredici – divise tra la Villa, il Villino e la Casa del Sole – una diversa dall’altra e ognuna dedicata a un personaggio inglese legato alla storia di Alassio. I Giardini di Villa della Pergola fanno parte del network Grandi Giardini Italiani (www.grandigiardini.it) e hanno vinto il Gran Premio Giardini 2013 per il più alto livello di manutenzione, buon governo e cura di un grande giardino italiano. Per informazioni e prenotazioni: Giardini di Villa della Pergola, via Privata Montagu 9, 17021 Alassio (Savona) Tel. +39.0182.646130 - info@giardinidivilladellapergola.com - info@villadellapergola.com www.giardinidivilladellapergola.com - www.villadellapergola.com
01/04/15al01/04/15Parchi e giardini Giardini di Sissi, Castel Trauttmansdorff - Merano
I GIARDINI DI SISSI APRONO I CANCELLI UN TUFFO TRA I FIORI CHE ANTICIPA LA PASQUA Il cuore della città di Merano torna a battere dal 1° aprile, giorno in cui i cancelli dei Giardini di Castel Trauttmansdorff riaprono per la stagione 2015. L’apertura a pochi giorni dalla Pasqua incanterà i visitatori con un arcobaleno di fiori variopinti e tante novità. Tra queste l’installazione dell’artista Ichi Ikeda nel Laghetto delle Ninfee, realizzata work in progress per trasmettere ai visitatori la centralità dell’acqua nella vita e che rientra nel progetto “Merano Nature Art – Spring 2015” del festival “Primavera Meranese”, manifestazione che animerà la cittadina altoatesina fino a metà maggio. Tra la Val Venosta, la Val Passiria e la Val d’Adige è situata la ridente Merano. Vista dall’alto la città assomiglia ad un fiore, dove al centro sbocciano i Giardini di Sissi, il Giardino Internazionale dell’Anno 2013, lo spettacolare anfiteatro botanico che riaprirà i cancelli mercoledì 1° aprile, anticipando di qualche giorno la Pasqua. Qui, dopo il lungo letargo invernale, la bella stagione irromperà rigogliosa con la fioritura di oltre 350.000 bulbi che inonderanno l’atmosfera di intensi profumi e incredibili colori, accogliendo i visitatori da tutto il mondo in uno scenario fiabesco che già nell’Ottocento aveva conquistato ed incantato la Principessa Sissi, la famosa imperatrice d’Austria, che scelse Castel Trauttmansdorff come dimora ideale per rilassarsi e per fare lunghe passeggiate. Ai Giardini di Merano ogni angolo ricorda l’amata principessa, a lei sono dedicati alcuni scorci del parco e la passeggiata che li collega alla città che è ancora oggi apprezzata e conosciuta in tutto il mondo come centro del benessere. Per Pasqua passeggiate tra i fiori Giallo, rosso, viola, blu, sono infiniti i colori che si manifestano allo sguardo dei visitatori che varcano il ponte rotondo che li collega al paradiso botanico. Una tavolozza dalle tonalità sempre diverse e che ogni mese cambia l’aspetto del parco, trasformandolo di stagione in stagione, in uno spettacolo unico ed indimenticabile. Nel periodo pasquale i primi a fiorire sono i narcisi e i tulipani, che come soldati sull’attenti accolgono gli ospiti dando loro il benvenuto, abbracciandoli con caldi colori. La primavera esplode in tutte le sue sfaccettature e in ogni angolo del parco eleganti anemoni, giacinti, ranuncoli, camassie, corone imperiali, English bluebell, rododendri e peonie disegnano un carosello dalle mille tonalità. Ovunque si posa lo sguardo si scorgono viuzze che costellano il giardino, dove tra le aiuole variopinte ranuncoli, papaveri e violette fanno capolino. A maggio la regina del parco botanico meranese è lei, la rosa, che sboccia elegante nel Giardino dei Sensi, creando un’atmosfera seducente, che ammalia e incanta con il profumo. L’installazione work in progress di Ichi Ikeda - Merano Nature Art – Spring 2015 L’arrivo della primavera per i Giardini di Sissi è sempre un momento importante, un inno alla rinascita e un’occasione di festa. Il parco altoatesino sarà quest’anno uno dei palcoscenici in cui si svolgerà il festival della “Primavera Meranese”, che coinvolgerà l’intera città di Merano dal 28 marzo al 15 maggio con eventi artistici e culturali che rivitalizzeranno il centro storico. I Giardini di Castel Trauttmansdorff sono la cornice ideale per questa manifestazione, che con il progetto “Merano Nature Art – Spring 2015” vuole riunire arte contemporanea e natura attraverso installazioni e sculture che si fondono in maniera organica con l’ambiente che le ospita. Saranno dodici le sculture di famosi artisti italiani ed internazionali che in particolari location verdi di Merano creeranno un percorso sensoriale inedito. Il Laghetto delle Ninfee dei Giardini di Sissi sarà il luogo dove ammirare la particolare scultura che realizzerà l’artista giapponese Ichi Ikeda e che sorprenderà i visitatori con un’installazione il cui tema sarà l’acqua e le piante acquatiche, a simboleggiare l’importanza della sostenibilità, i diritti umani e la speranza nel futuro. In anteprima l’artista di Osaka ad aprile sarà ospite di un work in progress ai Giardini di Castel Trauttmansdorff, durante il quale i visitatori lo potranno vedere all’opera e scoprire i segreti della sua filosofia artistica, la Water Art, che vuole richiamare l'attenzione mondiale sulla conservazione delle risorse idriche quali fonti di vita. Una stagione per famiglie ai Giardini di Sissi Anche nella stagione 2015 i Giardini di Castel Trauttmansdorff proporranno numerosi eventi, tra cui in particolare due giornate dedicate ai bambini e alle famiglie in festa, il 17 maggio la “Primavera ai Giardini” e il 25 ottobre l’“Autunno ai Giardini”. Si tratta di vere e proprie giornate per le famiglie, che in primavera ed in autunno coinvolgeranno grandi e piccini tra giochi, animazioni e divertimento alla scoperta del parco con passeggiate tra alberi di agrumi in fioritura e in boschi incantati, con attività didattiche e multisensoriali, tra bricolage, trucchi e giochi per bambini. I Giardini di Sissi si riproporranno come meta ideale per famiglie durante tutta la stagione. Soprattutto i più piccoli, ma anche i loro genitori, potranno esplorare il Giardino, azionando il campanello della roggia, camminando sul Ponte delle Avventure, una passerella sospesa ed oscillante che attraversa il Bosco Ripariale Spontaneo, alla scoperta dei simpatici animali che vivono nel parco, come pappagalli, pesci e caprette. “Turismo & Guerra” in mostra al Touriseum Con l’apertura dei Giardini il 1° di aprile, anche il Touriseum, il Museo Provinciale del Turismo, ricomincia la sua stagione. Dove soggiornò la Principessa Sissi, oggi il Touriseum offre un piacevole viaggio attraverso 200 anni di storia del turismo in Tirolo e quest’anno ospiterà la curiosa mostra Turismo & Guerra. Un viaggio nella storia del Tirolo durante la Grande Guerra, che attraverso reperti, documenti e illustrazioni ricostruirà i legami e i cambiamenti tra il turismo prima del 1914, e il suo mutamento al termine del conflitto mondiale. Tornano anche gli eventi più amati Dopo una stagione 2014 che ha visto staccare oltre 400.000 biglietti con ospiti provenienti da ben 90 paesi del mondo, i Giardini di Sissi restano la meta più amata dell’Alto Adige e per la nuova stagione riconfermano alcuni degli appuntamenti più attesi: dai brunch domenicali della “Colazione da Sissi” ai grandi concerti della rassegna “World Music Festival”, con la partecipazione di artisti di fama internazionale. Tutti i venerdì dei mesi di giugno, luglio e agosto, i Giardini resteranno aperti anche quest’anno fino alle ore 23.00, in occasione della consolidata rassegna “Trauttmansdorff di Sera”, tra musica e divertimento. Confermate per tutte le prime domeniche da maggio a ottobre le visite alle libellule, consigliate soprattutto ai bambini e ai ragazzi che vogliono conoscere tutti i segreti della natura, guidati da un’esperta entomologa e le offerte turistiche combinate, “Giardini & Terme” e “Giardini & Vino”, grazie allo strepitoso successo ottenuto nel 2014. www.trauttmansdorff.it Su Facebook: Trauttmansdorff – I Giardini Orari di apertura: 1° aprile –  31 ottobre: ore 9.00 – 19.00 1 novembre –  15 novembre: ore 9.00 – 17.00 I venerdì di giugno, luglio ed agosto: ore 9.00 – 23.00 Ultimo ingresso fino a un’ora prima dell’orario di chiusura Prezzi d’ingresso: Biglietto singolo: 12,00 € Biglietto per famiglie (2 adulti con bambini sotto i 18 anni): 26,00 € Anziani over 65: 10,00 € Bambini, ragazzi, studenti e disabili: 8,50 € Bambini sotto i 6 anni: ingresso libero Gruppi (di almeno 15 persone, a persona): 9,00 €
01/05/15al01/05/15Parchi e giardini Castello Quistini riapre al pubblico - Rovato (BS)
Fiorisce la Primavera, Castello Quistini riapre al pubblico Riapriranno al pubblico Venerdì 1 Maggio e rimarranno visibili fino a fine Giugno tutte le Domeniche e festivi i giardini e le sale di Castello Quistini, storica dimora franciacortina famosa per i suoi giardini di rose. Con l’arrivo della Primavera e della bella stagione rinasce in tutti la voglia di organizzare gite all’aria aperta. Ville, castelli, parchi e giardini si confermano sempre tra le mete ideali per gli amanti delle gite fuori porta e Castello Quistini, dimora storica del 1500 con giardino botanico in provincia di Brescia, è senz’altro una piacevole meta per tutti, grazie al perfetto mix di storia, natura, architettura e botanica. Castello Quistini si trova a Rovato, a pochi chilometri da Brescia e da Bergamo, tra le terre del vino della Franciacorta. Una decina di anni fa, grazie alle idee e all’impegno della famiglia proprietaria, all’interno delle mura del palazzo furono progettati una serie giardini con collezioni di rose antiche e inglesi pronte a fiorire a partire da Maggio, speciali varietà di ortensie e peonie, frutti antichi e piccoli orti con collezioni di piante officinali. Aperto tutte le Domeniche e festivi a partire dal 1 Maggio, con il biglietto di ingresso si avrà accesso al tour intitolato “Tra rose, storia e leggenda” (visita guidata ore 11,00 e ore 16,00) che vuole essere un percorso storico tra i giardini della dimora: fiori, piante, giardini e collezioni botaniche vi accompagneranno tra i giardini per una passeggiata. In attesa delle spettacolari fioriture di Maggio si potranno ammirare le prime fioriture stagionali del Viburnum Opulus e Carlcephalum, Clematis Armandii, dei tulipani e delle diverse varietà di alberi da frutto. Con il biglietto di ingresso verrà consegnata una mappa dei palazzo con le descrizioni delle sale e dei giardini. Per chi preferisce la classica visita guidata alle ore 11,00 e alle ore 16,00 di ogni Domenica e festivo verrà organizzata una visita guidata intitolata “tra rose, storia e leggenda” per spiegare e illustrare gli aspetti e le caratteristiche riguardanti il palazzo e i giardini. Il tour tra i giardini è arricchito da alcuni oggetti misteriosi nascosti in natura: figure d’animali realizzati con materiali riciclati affiorano dall’acqua del laghetto o tra i cespugli di rose e vi accompagneranno in questo magico itinerario. Castello Quistini è aperto tutte le Domeniche e festivi a partire dal 6 Aprile dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00. Visita guidata alle ore 16,00. Per informazioni potete consultare il sito internet www.castelloquistini.com, telefonare al 320 8519 177 oppure diventare fan della pagina facebook a questo indirizzo: www.facebook.com/castelloquistini. Castello Quistini www.castelloquistini.com www.facebook.com/castelloquistini info@castelloquistini.com Via Sopramura 3/A 25038 Rovato (Bs) +39 320 8519177


KalenderMx v1.4 © by shiba-design.de